Home > Giurisprudenza > La transazione nelle obbligazioni s...

 

La transazione nelle obbligazioni solidali


Tribunale Milano · 14 Maggio 2013

Obbligazioni solidali – solidarietà – condebitori – transazione pro quota – transazione dell’intero – art. 1304 c.c. – diritto potestativo


La transazione pro quota, in quanto tesa a determinare lo scioglimento della solidarietà passiva rispetto al debitore che vi aderisce, non può coinvolgere gli altri condebitori, i quali dunque nessun titolo avrebbero per profittarne, salvo ovviamente che per gli effetti derivanti dalla riduzione del loro debito in conseguenza di quanto pagato dal debitore transigente.
L’art. 1304 c.c. si riferisce alla transazione riguardante l’intero debito, perché è la comunanza dell’oggetto della transazione a far sì che di questa possa avvalersi il condebitore in solido, pur non avendo partecipato alla sua stipulazione e in deroga al principio secondo cui il contratto produce effetto solo tra le parti. Tale conseguenza non può essere evitata introducendo nella transazione per l’intero debito una clausola di contrario tenore, per l’ovvia considerazione che essa sarebbe destinata ad incidere su un diritto potestativo che la legge attribuisce ad un soggetto terzo, rispetto ai contraenti, e del quale perciò questi ultimi non sarebbero legittimati a disporre.
Considerato che la transazione parziaria non può né condurre ad un incasso superiore rispetto all'ammontare complessivo del credito originario, né determinare un aggravamento della posizione dei condebitori rimasti ad essa estranei, neppure in vista del successivo regresso nei rapporti interni, è giocoforza pervenire alla conclusione che il debito residuo dei debitori non transigenti è destinato a ridursi in misura corrispondente all'ammontare di quanto pagato dal condebitore che ha transatto solo se costui ha versato una somma pari o superiore alla sua quota ideale di debito. In caso contrario, se cioè il pagamento è stato inferiore alla quota che faceva idealmente capo al transigente, il debito residuo che resta tuttora a carico solidale degli altri obbligati dovrà essere necessariamente ridotto (non già di un ammontare pari a quanto pagato, bensì) in misura proporzionale alla quota di chi ha transatto, giacché altrimenti la transazione provocherebbe un ingiustificato aggravamento per soggetti rimasti ad essa estranei.
 

Autore Massima Avv. Stefano Pellegatta
© Riproduzione Riservata
 
Segnalazione Prof. Avv. Bruno Inzitari
Normativa di riferimento: Art 1304 c.c.
 

TESTO INTEGRALE ·
NOTE E COMMENTI

Pubblicato il 17 Luglio 2013 - Sez. II Giurisprudenza - Documento n. 106



Altre pronunce


 


Direttore scientifico:
Bruno Inzitari

ildirittodegliaffari@gmail.com

Redazione:
Bruno Inzitari
Michela Bailo Leucari
Elena Depetris
Vincenzo Ruggiero


Come inviarci contributi da pubblicare




Il Diritto degli Affari
Periodico trimestrale pubblicato in Milano, Via Visconti di Modrone, n. 36.